Aleppo, un parroco racconta della battaglia nella città martire simbolo di una “guerra artificiale”

Padre Rodrigo Miranda, cileno, ha trascorso gli ultimi quattro anni nell’inferno della città siriana. Ha assistito i suoi parrocchiani durante i tre anni di assedio tra le violenze, le uccisioni, i sequestri. Ha vissuto in prima persona la battaglia iniziata nell’estate del 2012, che più delle altre riassume la tragedia della popolazione. “La gente non ha mai chiesto un cambiamento, né politico, né culturale. Stava bene come stava. Non voglio canonizzare Assad, ma tra i ribelli solo il 2% sono siriani, la maggioranza sono stranieri, di 83 diverse nazionalità”

http://www.repubblica.it/solidarieta/volontariato/2015/02/17/news/aleppo-107564261/

ROMA – Padre Rodrigo Miranda, quarant’anni, cileno, è un missionario dell’Istituto del Verbo Incarnato che ha trascorso gli ultimi quattro anni della sua vita in Siria, nell’inferno di Aleppo. Parroco della Cattedrale del Bambino Gesù, dal 2011 ha assistito i suoi parrocchiani durante i tre anni di assedio della città, tra le violenze, le uccisioni e i sequestri. A Roma è tornato da pochi mesi, e qui lo abbiamo incontrato per ascoltare la sua testimonianza. La testimonianza di chi ha vissuto in prima persona la battaglia per Aleppo che, iniziata nell’estate del 2012, più di tutte le altre riassume la tragedia della popolazione siriana. Quella della gente, che abitava la città più ricca e popolosa della Siria e che d’un tratto si è ritrovata al centro di uno scontro violentissimo tra i ribelli e l’esercito di Assad, costato la vita a migliaia di civili.

Un conflitto artificiale. “Con il suo mosaico di culture e religioni, Aleppo è sempre stata una città modello della convivenza tra cristiani e musulmani” ci racconta Padre Rodrigo, e “la guerra è arrivata all’improvviso, contro persone che mai si sarebbero aspettate una reazione del genere di fronte ad un conflitto artificiale”. Ci incuriosisce quest’ultima affermazione. “La popolazione siriana”, spiega il sacerdote, “non ha mai chiesto un cambiamento, né politico, né culturale. Mai. La gente stava bene così come stava”. “Con questo non voglio canonizzare Assad”, continua, “ma voglio dire che il conflitto è stato il frutto di un processo estremamente veloce e violento. Tra i combattenti dell’esercito libero, infatti, solo il 2% sono siriani. La maggioranza sono stranieri, di 83 diverse nazionalità”.

Le persecuzioni contro i cristiani. Prima della guerra, ad Aleppo i cristiani erano circa 300.000. Dei 4.000 fedeli che frequentavano la parrocchia di Padre Rodrigo, oggi ne sono rimasti solo 25. Gli altri sono scappati, oppure “sono stati uccisi, soprattutto donne e giovani”. “Molti sequestrati” racconta il sacerdote. In effetti, i cristiani, più di altri, in Siria, sono stati presi di mira dai gruppi islamici radicali. “Succede perché hanno una grande influenza in molti settori della società, e perché hanno la capacità di dialogare, di aprirsi all’altro, di rispettarlo. Quando sentiamo che l’Isis avanza nel nord dell’Iraq o della Siria è perché queste zone sono popolate da cristiani, e la risposta di un cristiano è molto diversa rispetto a quella di altri”. Sul fronte umanitario, poi, la situazione non migliora: “ieri ho parlato con i miei parrocchiani: non hanno acqua, luce ed elettricità da dodici giorni. Le promesse delle Nazioni Unite di inviare aiuti sono rimaste solo promesse”.

Un grado di violenza inaudito. A pochi metri di distanza dalla parrocchia di Padre Rodrigo si trovava l’università di Aleppo, che il 15 gennaio del 2013 è stata il teatro di un violento attentato in cui hanno perso la vita centinaia di giovani studenti. “Era mezzogiorno, l’ora di punta, quando sono caduti i tre missili. L’università era piena e molte persone erano in strada” ci racconta. “Quando è caduto il primo missile ho iniziato ad aiutare le persone che avevo davanti a me. Poi mentre stavo correndo verso l’università per aiutare gli altri, ho visto il secondo missile che arrivava. Ho cercato di rifugiarmi tra un muro e alcune auto. Ho sentito un rumore, uno strano silenzio, e poi il disastro. È stato un massacro”. “All’inizio”, continua, “hanno detto che i missili erano dell’esercito di Assad. Ma il nostro quartiere è controllato dall’esercito: sarebbe come dire che hanno sparato contro loro stessi. Poi, che l’esercito aveva colpito per sbaglio. Ma se sbagli, sbagli una volta, non tre. L’altra ipotesi è che siano stati i ribelli, che sparavano per colpire l’esercito che controlla il nostro quartiere”. Il ricordo che è rimasto più vivido nella mente del sacerdote è proprio il “grado di violenza contro i civili”. Ascoltiamo il suo racconto e ci viene in mente solo una domanda, la più banale. Non ha mai avuto paura? Mai, ci risponde sorridendo: “in quei secondi non riesci neanche ad avere paura. Pensi soltanto ad aiutare”.

Le bugie dell’informazione. “Quello che il popolo siriano desidera sopra ogni altra cosa è che fuori dalla Siria si racconti finalmente cosa succede davvero in Siria”. La disinformazione riguardo il conflitto, secondo il sacerdote, è stata enorme. Gli chiediamo qual è la bugia più grande: “quella dei ‘regimi’, il voler catalogare a tutti i costi come ‘dittatorì tutti quelli che non fanno come vogliono loro”, ci risponde senza esitare. “Non si può applicare la ‘democrazià come la intendiamo noi, in Paesi dove c’è un substrato culturale totalmente diverso: il rispetto della diversità e della cultura dell’altro è il presupposto per garantire la pace”. Altrimenti, il rischio è quello di “una radicalizzazione sempre maggiore”. Che è pronta a diffondersi anche in Europa, come già sta accadendo.

Questa voce è stata pubblicata in Istituto del Verbo Incarnato - IVE - Siria - Alepo, Serve del Signore e della vergine di matara Siria. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...