Natale ad Aleppo: una festa inappropriata?

Dialogo tra un abitante di Aleppo e Cristo

Abitante di Aleppo:

Signore, è già da tempo che non c’è elettricità. Se vieni rischi di non trovare la strada. Infatti, dopo le 4:30, è così buio che uno non riesce a vedersi neanche le mani.

Ah, non c’è neanche l’acqua … così la Madonna non potrà lavarsi dopo la nascita.

E inoltre mancano il cibo essenziale per alimentarti. È davvero una festa inappropriata.

È  inverno, e qui l’inverno è duro!

Non c’è riscaldamento, e ci sarà molto freddo.

Le strade sono interrotte, è pieno di controlli e, siccome siete uno straniero, potreste andare incontro a dei problemi. I controlli fermano le persone per tanto tempo…. È meglio non veniate quest’anno!

Soprattutto, siamo tristi e angosciati … molte persone sono morte e ogni giorno veniamo a conoscenza di eventi terribili. I rumori costanti e assordante ti spaventeranno. Abbiamo molta paura! Sinceramente, non abbiamo coraggio di celebrare la tua nascita. Non abbiamo nemmeno le forze per fare il presepe. Perdonaci Signore, ma quest’anno non venire!

…. Forse non conosci la tragedia di questa città?

Sì, sicuramente, è meglio che non venga quest’anno … che non nasca tra noi, sarebbe un festa inappropriata.

Cristo:

Caro figlio, ti sbagli. Non vengo quando tutto va bene. Il motivo della mia venuta è la miseria dell’uomo. Quindi, questa è una festa molto appropriata! E ‘una festa dove si incontrano la miseria e la misericordia, il peccato e il perdono, la croce e la risurrezione.

Fin da bambino ho voluto sperimentare questo …. Sono nato in una mangiatoia per amore dell’uomo.

Si tratta di una festa molto appropriata perché Aleppo è diventata una mangiatoia… la miseria, la povertà, gli animali, sporcizia …. Ma ci sono anche anime che aspettano il Salvatore!

Ho visto la sofferenza del mio popolo. E anche se non riesci a vederlo, io continuo a elargire grazie che muovono i cuori al bene.

Oggi vengo per amore dell’uomo triste e angosciato. E verrei per mille volte se fosse necessario, per dimostrare il mio amore e la vicinanza.

Sono venuto perché abbiano la vita, la mia vita divina, che dà la forza e incoraggia nei momenti di miseria.

Vengo affinché torniate al significato essenziale di questa festa … Festa per i semplici, umili, che cercano Dio in ogni cose e Dio solo!

Vengo a liberarli dalla schiavitù del peccato e delle cattive inclinazioni. Per liberarli dalla festa pagana che ha creato il mondo… Edonismo, consumismo, addobbi e falsità… i vestiti vergognosi, il trucco, le presenze mondane, feste notturne e balli.

Vengo affinché viviate secondo le virtù e per essere esempio per gli altri.

Vengo a voi perché per la mia misericordia abbiano pietà dei bisognosi.

Abitante di Aleppo:

Sì, Signore, hai ragione, è una festa molto appropriata! Così abbiamo voluto celebrarla con fede, speranza e carità, abbiamo posto tutto nelle tue piccole e potenti mani. E questo è ciò che ci ha dato un nuovo anelito. Già abbiamo celebrato la Messa e poi vivremo insieme la i festeggiamenti della tua venuta, abbiamo recuperato la gioia del Natale ….

Buon Natale Signore! E …. Buon Natale a tutti!

Navidad 2012

Padri e Suore Missionari in Siria

Questa voce è stata pubblicata in Istituto del Verbo Incarnato - IVE - Siria - Alepo. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...